);
Oltre le demenze. Voce alle famiglie.

Giovanni, marito di Tina: “Con la malattia il nostro rapporto è cresciuto in intensità”

Catanzaro, 19 agosto 2019 – <<Vero che malattia è una cosa brutta e che ci ha sorpresi, ma poteva succedere qualcosa di peggio, lei poteva non essere più con noi. E invece lei c’è, ci sorride, ci bacia, ci abbraccia: tutto questo è per noi famigliari una grande consolazione>>. La presenza, lo scambio di emozioni, la vita nonostante tutto: Giovanni Coglitore, settantadue anni, pensionato, testimonia la dimensione consolatoria del contatto che vive nel prendersi cura di sua moglie Tina, sessantasette anni, con un passato da <<brillante dipendente dell’ex Catasto di Cosenza>>, colpita da demenza frontotemporale con complicanze neurologiche da cui discende anche l’impossibilità di esprimersi con il linguaggio verbale.

<<Il contatto ci aiuta>>, ripete Giovanni. Di conseguenza – spiega – <<il rapporto tra me e mia moglie è cresciuto in intensità, siamo diventati quasi un tutt’uno>>, costruendo giorno dopo giorno relazioni di aiuto che fanno leva sull’empatia e sull’ascolto di bisogni ed emozioni, dando voce alla biografia, alla storia personale di Tina, ai ricordi che parlano di lei: <<Cerchiamo di farla sentire in continuità con il suo passato. Tina voleva vestire bene e la facciamo vestire bene anche adesso; amava il mare e noi, io e i miei figli, la portiamo al mare, amava la musica e le facciamo ascoltare i suoi dischi>>.

Per Giovanni è centrale la dimensione relazionale, sociale, affettiva,  per nuovi ponti di comunicazione possibile: <<Quando Tina vede persone, quando vede i figli e gli amici più cari, sorride, i suoi occhi si illuminano, anche per questo ci è piaciuta la realtà della “Ra.Gi.” e l’atmosfera di accoglienza, la comunicazione, che si crea>> al centro diurno di Catanzaro, dove Tina si reca  due-tre volte alla settimana accompagnata da suo marito.

Nei giorni dedicati alla “Ra.Gi.”, Giovanni e sua moglie partono da Cosenza, la città dove vivono, e mentre Tina trascorre la mattinata al centro, suo marito aspetta leggendo un libro o facendo un giro per i supermercati della zona per poi rientrare insieme a casa: <<Mi dedico a mia moglie totalmente, con passione, anche perché penso che se fosse successo a me lei avrebbe fatto la stessa cosa>>, scandisce Giovanni. Che aggiunge: <<Sono stato sempre al servizio degli altri e della comunità avendo lavorato per quarant’anni in banca ricoprendo inoltre il ruolo di direttore generale; adesso, invece, sono al servizio di mia moglie in collaborazione con i nostri tre figli>>.

In questo nuovo percorso di vita c’è posto pure per le amicizie. Ma non più come in passato. <<Abbiamo ristretto la cerchia di persone che frequentiamo limitandoci a chi sa riconoscere il problema>>, schivando per quanto possibile <<la gente che potrebbe guardarla con atteggiamento di pena>>. <<Un lato positivo della malattia – dice Giovanni – consiste nel fatto che si è manifestata in modo più chiaro la differenza tra amici e conoscenti. Abbiamo fatto una selezione puntando alla qualità dei rapporti e alle persone che ci vogliono bene>>.

————————————————————————————————-

Francesco Ciampa, giornalista freelance, ufficio stampa “Ra.Gi.”

Iscriviti alla Newsletter


Supportaci

Error! Missing PayPal API credentials. Please configure the PayPal API credentials by going to the settings menu of this plugin.

IL CORPO NELLA DEMENZA

Associazione Ra.Gi. Channel

Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.