);
Non c'è più niente da fare?

Non c’è più niente da fare

#noncepiùnientedafare
Mi vorrei soffermare, con un ragionamento a puntate, su questa frase priva di senso che viene spesso detta dai medici alle famiglie NON C’È PIÙ NIENTE DA FARE. Credo che le scienze mediche cognitive e psicologiche in materia di demenze soffrino di UNA forma di AGNOSIA perché spesso diventano astratti difronte ai particolari umani e alle potenzialità delle persone con demenza.
Il termine preferito da gran parte della neurologia, della geriatria e della psichiatria (Ma la demenza non è Un malattia psichiatrica) è DEFICIT Ossia perdita di una funzione neurologica. Altro termine molto il voga è DISFUNZIONE. Una malattia come la demenza non può e non deve essere vista solo come una perdita di un qualcosa. Perché ricordate che qualunque parte colpita nell’organismo, anche il cervello, reagisce perché ha bisogno di COMPENSARE e SOSTITUIRE. E questo purtroppo non avviene con i farmaci né con un contorno ambientale poco adatto. Ogni singolo pezzetto di cervello che viene colpito è in lotta per conservare la propria energia. Ma questo pezzetto di cervello prima della sua atrofizzazione non solo viene aiutato in questa sua lotta ma deve essere aiutato dall’esterno. E la lotta che compie dall’esterno una persona con demenza è quella di conservare il proprio equilibrio quando tutto intorno a loro si trasforma in un ambiente avverso e mettere ordine nel caos reale che li circonda. Anche nelle fasi Avanzate della Demenza.

About the author

Elena Sodano

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla Newsletter


Supportaci

Error! Missing PayPal API credentials. Please configure the PayPal API credentials by going to the settings menu of this plugin.

IL CORPO NELLA DEMENZA

Associazione Ra.Gi. Channel

Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.