);
Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.
Privacy Policy
Comunicati Stampa Ultime News

Insieme per le Demenze. Perchè non possiamo più stare a guardare!.

oznor

Demenze, il sindaco di Settingiano favorevole alla nascita nel suo comune di un centro diurno come quello di Cicala gestito dalla “RaGi”

Proposte operative all’incontro promosso dalla onlus catanzarese. L’impegno dei parlamentari Ferro, Sapia e Viscomi per rilanciare la questione a livello nazionale. L’apertura di Angela Robbe e Baldo Esposito alla formazione basata sul metodo Teci. L’appello di Elena Sodano per un tavolo operativo aperto al sociale

———————————————————————————

Catanzaro, 30 marzo 2019 – Non solo un convegno, ma un tavolo di confronto sulle priorità concrete da inserire nell’agenda politica con l’impegno di lavorare insieme, al di là delle divisioni partitiche: è quanto emerso oggi a Settingiano nel corso dell’iniziativa dal titolo “Insieme per le demenze. Perché non possiamo stare più a guardare”, promosso dall’associazione Ra.Gi. Onlus di Catanzaro e dal Comune di Settingiano. Un incontro caratterizzato, tra l’altro, dall’impegno dei parlamentari calabresi Wanda Ferro, Francesco Sapia e Antonio Viscomi di rilanciare sul piano politico-programmatico e finanziario la questione dell’assistenza delle persone con demenze a partire dal nuovo Patto per la salute.

Un’iniziativa che ha visto protagonisti anche i Comuni. Con il sindaco di Settingiano, Rodolfo Iozzo, che si è detto al lavoro per cercare di dare vita anche nel suo territorio, in rete con altri Comuni, a un centro diurno da realizzare in collaborazione con la Ra.Gi. presieduta da Elena Sodano. Un centro come quello di Cicala, il primo “borgo amico delle demenze in Calabria”, dove le persone curate diventano protagoniste della vita di comunità, nel segno dell’inclusione sociale. Un modello di assistenza, quello della Ra.Gi., descritto con soddisfazione dallo stesso sindaco di Cicala, Alessandro Falvo. Che per l’occasione ha espresso la volontà di dare continuità all’esperienza del centro diurno “Antonio Doria”.

Nel corso dell’incontro, moderato dal giornalista Francesco Ciampa, è stato rimarcato inoltre il bisogno di dare piena centralità in Calabria alla dimensione sociale, non soltanto sanitaria, dell’assistenza rivolta alle persone con demenze: una necessità condivisa in chiave trasversale sia dall’assessora regionale alle Politiche sociali Angela Robbe, sia dal consigliere regionale Sinibaldo Esposito, vicepresidente della commissione consiliare sanità e attività sociali. Entrambi, oltre a ribadire l’urgenza della riforma del welfare in Calabria, hanno espresso apprezzamenti per il metodo Teci messo a punto da Elena Sodano mostrando apertura rispetto a un possibile riconoscimento formale, da parte della Regione, dell’attività di formazione basata su questo approccio. Un’attività già partita a Catanzaro e anche oltre i confini regionali.

Dalla presidente della Ra.Gi., Elena Sodano, è arrivato poi l’appello per un coinvolgimento attivo nei processi decisionali: “Finora in Calabria – ha detto Sodano – è stata data molta importanza all’aspetto medico e non all’aspetto sociale ed esistenziale. Ora – ha aggiunto – pretendiamo che la componente sociale dell’assistenza entri a far parte del tavolo regionale sulle demenze. A tal proposito, invito i famigliari delle persone malate a formare un’associazione per chiedere di partecipare a questo tavolo”. Un appello, quello di Sodano, condiviso anche dal portavoce del Forum del Terzo settore per Catanzaro-Soverato, Giuseppe Apostoliti.

Tema costante della giornata: il primato della persona umana e delll’umanizzazione delle cure. Come sottolineato da don Pino Silvestre, intervenuto nel ruolo di vicario dell’arcivescovo di Catanzaro-Squillace, monsignor Vincenzo Bertolone. Un tema che riguarda anche i medici di famiglia, come dice Luigi Alparone, vicesegretario per la provincia di Catanzaro della Fimmg, la Federazione italiana medici di medicina generale.

Una questione testimoniata soprattutto dai famigliari delle persone con demenza. Sono le storie di Anna, di Gina e di Maria che hanno descritto commosse le difficoltà e il dolore legati all’esperienza della malattia dei loro cari e che hanno raccontato la loro esperienza con la Ra.Gi. in termini di sollievo, di aiuto, di contatto umano.

SCARICA IL COMUNICATO

——————————————————————————–

Ulteriori informazioni: Francesco Ciampa, giornalista e addetto stampa free lance, per Ra. Gi.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità pubblcate sul sito.

Email *

I nostri eventi

< 2019 >
Ottobre
DLMMGVS
  12345
678910
  • Persone con demenze, verso la realizzazione del loro possibile.

    16:39
    2019.10.10

    Un incontro molto importante ci attende giovedì 10 ottobre a Reggio Calabria. Un momento in cui le demenze acquistano un significato diverso perché ricerca e neuroscienze si incontrano con il possibile benessere corporeo, psicologico, spirituale e sociale delle persone con demenze. Grazie alla. Presidente dell’Associazione Libera-Mente Maria Cara che, in occasione dell’apertura dell’anno sociale ha organizzato questo particolare incontro.

1112
131415161718
  • Terapia del Treno

    17:30 -19:00
    2019.10.18


    CATANZARO – Nel Centro storico amico delle demenze Dementia Friendly Community arriva la Terapia del Viaggio.
    A nome di tutte le persone con Demenze ospiti del Centro Diurno RaGi e di tutte le famiglie ringrazio l’impegno e la vicinanza dell’assessore comunale alle politiche sociali Lea Concolino. Grazie alle progettualità che la RaGi mette continuamente in campo a sostegno delle persone con Demenze e per contrastare la solitudine degli anziani, la città di Catanzaro, avrà la possibilità di disporre di una delle Terapie non farmacologiche strutturalmente più impegnative da offrire gratuitamente ai suoi cittadini più fragili. Si tratterà di un allestimento unico in Calabria, secondo nel sud Italia, 15esima in tutta Italia.
    La location della Terapia del Viaggio verrà inaugurata giorno 18 ottobre alla presenza del prof Ivo Cilesi esperto di fama internazionale nelle terapie non Farmacologiche e resterà a disposizione della cittadinanza del centro storico per circa due mesi, per poi essere allestita in altra sede.
    Questa è la politica della Comunità e della Condivisione collettiva.

19
  • Corso base “Terapia della bambola”

    09:00 -18:00
    2019.10.19

    Clicca il link per scaricare la scheda d’iscrizione e vedere la locandina.

    La Terapia della Bambola è un dispositivo medico in Classe I.

    La Terapia della Bambola, che abbiamo l’onore di ospitare per la prima volta a Catanzaro, è una terapia non farmacologica, ideata dal Dott. Ivo Giovanni Cilesi che aiuta a ridurre i disturbi comportamentali e dell’umore dell’anziano. Attraverso l’accudimento e il maternage della bambola terapeutica la persona attiva relazioni tattili e affettive. Sempre per chi lo ignorasse, COSA IMPORTANTE, c’è da dire è che, la terapia della Bambola e’ un dispositivo medico in Classe I, registrato al ministero della salute V0880-Attrezzatura di supporto all’attività sanitaria-accessori. IDENTIFICATIVO DI REGISTRAZIONE BD/RDM NR 1560853. DATA PRIMA PUBBLICAZIONE 24/05/2017.-

202122232425
  • Incontro in Basilicata

    Tutto il giorno
    2019.10.25

    Non ci sono ulteriori informazioni per questo evento.

26
2728293031  

Supportaci

Scegli tu quanto donare con Carta o PayPal. Puoi selezionare un importo fra quelli disponibili o metterne uno a tuo piacere.
Altro Importo:

Ra.Gi. Onlus Channel