);
Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.
Privacy Policy
Spunti di riflessione

IL GIROVAGARE IRREQUIETO DELLA DEMENZA

“Dove vado?” “Vada lì dentro quella stanza la stanno aspettando per fare gli affari con lei”. Cammina per un po’. Poi si ferma al centro della grande stanza. Ritorna indietro. “Dove vado?”. E sta lì fermo, piegato, curioso, verso la mia faccia sorridendomi con una tenerezza che rasenta l’infinito, quasi mi volesse trasmettere con i suoi occhi, lo scenario della sua anima. Cosa significa quella domanda che mi viene posta per tre volte? “Dove vado?” E’ una domanda decisiva che scaturisce dal suo di dentro e che mi accorgo di un diverso significato nel momento in cui noto che la sua mano è poggiata sul suo petto.

Non mi sta indicando una direzione. Ma un “IO DOVE VADO”: IO da dove vengo, IO che mondo appartengo, IO in quale mondo sto vivendo. Quella domanda interpella tutto l’universo, Dio, la storia, il destino, il domani. “Vi siete perso signor Pippo? Datemi la mano, andiamo, vi accompagno”. Avanti e indietro, avanti e indietro, avanti e indietro. Giorno e notte, giorno e notte, giorno e notte. Vita morte, vita morte, vita morte. Ecco la mimica della loro esistenza. Un modo di fare metaforicamente significativo perché materializza nella persona l’incontro simbolico con il proprio vuoto, con il proprio buio.

Entrare nella vita uscire dalla vita, entrare nella morte uscire dalla morte. Avanti e indietro. Il girovagare dei nostri dementi rappresenta il loro perdersi di continuo. Lo fanno quando scatta in loro la cosiddetta “Sindrome del Tramonto” e lo fanno durante i notturni “Attacchi di fuga”. Sono forse i due sintomi che divengono “impossibili” e incomprensibili per le famiglie. Qui scatta spesso l’impossibilità dei familiari di farcela specialmente quando, superata la soglia della notte s’infrange un equilibrio difficilissimo da gestire, anche perché a volte si associano anche allucinazioni visive e uditive, un immaginario bizzarro che rende critica, l’esistenza e la convivenza. In questo girovagare, i dementi non perdono solo l’orientamento, i dementi perdono SE STESSI, un Se Stesso diventato per loro un puzzle irrisolvibile. Ma che, per noi che li incontriamo ogni giorno, è diventato di una logicità inaudita: rappresenta un continuo solcare la propria esistenza con quella irrequietezza irrefrenabile che invade spesso gambe che dovrebbero invece essere stanche.

E ogni esplorazione ha bisogno di spazi. Grandi spazi, non sono strutturali ma anche mentali. Se con il passo il bambino esplora il mondo, con il suo passo il demente esplora se stesso e la sua vita stracciata. Ed è in questa esplorazione che riesce a trovare risposte al suo DOVE VADO
Elena

About the author

Elena Sodano

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità pubblcate sul sito.

Email *

I nostri eventi

< 2019 >
Ottobre
DLMMGVS
  12345
678910
  • Persone con demenze, verso la realizzazione del loro possibile.

    16:39
    2019.10.10

    Un incontro molto importante ci attende giovedì 10 ottobre a Reggio Calabria. Un momento in cui le demenze acquistano un significato diverso perché ricerca e neuroscienze si incontrano con il possibile benessere corporeo, psicologico, spirituale e sociale delle persone con demenze. Grazie alla. Presidente dell’Associazione Libera-Mente Maria Cara che, in occasione dell’apertura dell’anno sociale ha organizzato questo particolare incontro.

1112
131415161718
  • Terapia del Treno

    17:30 -19:00
    2019.10.18


    Terapia farmacologica unica in Calabria

    Inaugurazione al Policlinico Umberto I.

19
  • Corso base “Terapia della bambola”

    09:00 -18:00
    2019.10.19

    Clicca il link per scaricare la scheda d’iscrizione e vedere la locandina.

    La Terapia della Bambola è un dispositivo medico in Classe I.

    La Terapia della Bambola, che abbiamo l’onore di ospitare per la prima volta a Catanzaro, è una terapia non farmacologica, ideata dal Dott. Ivo Giovanni Cilesi che aiuta a ridurre i disturbi comportamentali e dell’umore dell’anziano. Attraverso l’accudimento e il maternage della bambola terapeutica la persona attiva relazioni tattili e affettive. Sempre per chi lo ignorasse, COSA IMPORTANTE, c’è da dire è che, la terapia della Bambola e’ un dispositivo medico in Classe I, registrato al ministero della salute V0880-Attrezzatura di supporto all’attività sanitaria-accessori. IDENTIFICATIVO DI REGISTRAZIONE BD/RDM NR 1560853. DATA PRIMA PUBBLICAZIONE 24/05/2017.-

202122232425
  • Incontro in Basilicata

    Tutto il giorno
    2019.10.25

    Non ci sono ulteriori informazioni per questo evento.

26
2728293031  

Supportaci

Scegli tu quanto donare con Carta o PayPal. Puoi selezionare un importo fra quelli disponibili o metterne uno a tuo piacere.
Altro Importo:

Ra.Gi. Onlus Channel