);
Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.
Privacy Policy
Stampa Ultime News

Curare le persone con demenze: parte il viaggio della Ra.Gi. nelle parrocchie di Catanzaro

Incontri aperti alla cittadinanza. Prima tappa: chiesa del Santissimo Salvatore. Momenti di formazione con Elena Sodano promossi in collaborazione con “Solid’ali” Onlus

——————————————————————————————–

Catanzaro, 25 marzo 2019 – Parrocchie aperte per incontrare la cittadinanza di Catanzaro, per confrontarsi con famiglie, operatrici e operatori, per affrontare insieme il tema dei bisogni pratici, terapeutici ed espressivi delle persone con demenze.  Si parte con le prime tre date: mercoledì 27 marzo, 3 aprile e 10 aprile, dalle 17,45 alle 20,00, parrocchia del Santissimo Salvatore, viale de Filippis. Si tratta di momenti formativi con la presidente della Ra.Gi. Onlus, Elena Sodano, promossi in collaborazione con l’associazione “Solid’ali” Onlus.

“Grazie al lavoro capillare dell’associazione Solid’ali presieduta da Lucia Celico, in pochissimo tempo abbiamo raggiunto il numero massimo di adesioni per le tre giornate formative che si svolgeranno nei locali della chiesa del Santissimo Salvatore”, fa sapere la presidente della Ra.Gi. “Ecco perché – prosegue – apriremo le porte di altre chiese in città affinché tutto il territorio catanzarese possa conoscere, capire e agire per normalizzare la cura delle persone con demenze. Confortiamo e formiamo le famiglie – continua Elena Sodano – lì dove esse vivono, nei territori, non sui palcoscenici. Siamo diventati una carovana di rivoluzionari – afferma -, con l’obiettivo di smascherare le false ideologie basate su un approccio di esclusione e discriminante”.

“Ho conosciuto Elena – dichiara invece la presidente dell’associazione “Solid’ali”, Lucia Celico –  in occasione di una delle prime presentazioni del suo libro, “Il corpo nella demenza”. Mi ha subito conquistata questa donna minuta e combattiva che parlava dei suoi pazienti con la tenerezza di una madre e faceva intravedere un possibile canale di comunicazione con chi sembrerebbe relegato in un mondo a parte. Inoltre – prosegue Celico – ho continuato a seguire i suoi successi in tutta Italia, l’ho vista all’opera nella sede della Ra.Gi. insieme ai suoi fantastici operatori, e alla fine è stato naturale chiederle di collaborare con l’associazione che ho il piacere di presiedere per quest’opera di divulgazione”.

“Ecco perché – afferma ancora la presidente di “Solid’ali” – in accordo con i fini istituzionali della nostra onlus, da oltre vent’anni rivolti alle fasce più deboli della popolazione, abbiamo deciso di sostenere questo progetto itinerante”. “Un progetto – spiega Lucia Celico – nato per intercettare attraverso le parrocchie i familiari, i caregiver e gli operatori socio-assistenziali che si prendono cura delle persone con Alzheimer, Parkinson e altre forme di demenze, per offrire loro, a titolo gratuito, un laboratorio formativo e assimilare le basi del metodo Teci, ideato da Elena, che sta rivoluzionando il modo di affrontare queste difficili patologie. La parrocchia del Santissimo Salvatore – conclude Celico – grazie alla lungimiranza del suo parroco, monsignor Vincenzo Zoccoli, è la prima ad aver aderito a questo importante progetto che vuole coinvolgere tutta la cittadinanza”.

“Il guaritore ferito. Conoscere le demenze per meglio comprenderle”: questo il nome dell’iniziativa. Un nome pensato perché si dà centralità anche ai bisogni di chi si prende cura, per promuovere migliori relazioni tra le persone con demenze e i caregiver. A fine corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

—————————————————————-

Francesco Ciampa, giornalista e addetto stampa freelance, per Ra. Gi. Onlus

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità pubblcate sul sito.

Email *

I nostri eventi

< 2019 >
Ottobre
DLMMGVS
  12345
678910
  • Persone con demenze, verso la realizzazione del loro possibile.

    16:39
    2019.10.10

    Un incontro molto importante ci attende giovedì 10 ottobre a Reggio Calabria. Un momento in cui le demenze acquistano un significato diverso perché ricerca e neuroscienze si incontrano con il possibile benessere corporeo, psicologico, spirituale e sociale delle persone con demenze. Grazie alla. Presidente dell’Associazione Libera-Mente Maria Cara che, in occasione dell’apertura dell’anno sociale ha organizzato questo particolare incontro.

1112
131415161718
  • Terapia del Treno

    17:30 -19:00
    2019.10.18


    CATANZARO – Nel Centro storico amico delle demenze Dementia Friendly Community arriva la Terapia del Viaggio.
    A nome di tutte le persone con Demenze ospiti del Centro Diurno RaGi e di tutte le famiglie ringrazio l’impegno e la vicinanza dell’assessore comunale alle politiche sociali Lea Concolino. Grazie alle progettualità che la RaGi mette continuamente in campo a sostegno delle persone con Demenze e per contrastare la solitudine degli anziani, la città di Catanzaro, avrà la possibilità di disporre di una delle Terapie non farmacologiche strutturalmente più impegnative da offrire gratuitamente ai suoi cittadini più fragili. Si tratterà di un allestimento unico in Calabria, secondo nel sud Italia, 15esima in tutta Italia.
    La location della Terapia del Viaggio verrà inaugurata giorno 18 ottobre alla presenza del prof Ivo Cilesi esperto di fama internazionale nelle terapie non Farmacologiche e resterà a disposizione della cittadinanza del centro storico per circa due mesi, per poi essere allestita in altra sede.
    Questa è la politica della Comunità e della Condivisione collettiva.

19
  • Corso base “Terapia della bambola”

    09:00 -18:00
    2019.10.19

    Clicca il link per scaricare la scheda d’iscrizione e vedere la locandina.

    La Terapia della Bambola è un dispositivo medico in Classe I.

    La Terapia della Bambola, che abbiamo l’onore di ospitare per la prima volta a Catanzaro, è una terapia non farmacologica, ideata dal Dott. Ivo Giovanni Cilesi che aiuta a ridurre i disturbi comportamentali e dell’umore dell’anziano. Attraverso l’accudimento e il maternage della bambola terapeutica la persona attiva relazioni tattili e affettive. Sempre per chi lo ignorasse, COSA IMPORTANTE, c’è da dire è che, la terapia della Bambola e’ un dispositivo medico in Classe I, registrato al ministero della salute V0880-Attrezzatura di supporto all’attività sanitaria-accessori. IDENTIFICATIVO DI REGISTRAZIONE BD/RDM NR 1560853. DATA PRIMA PUBBLICAZIONE 24/05/2017.-

202122232425
  • Incontro in Basilicata

    Tutto il giorno
    2019.10.25

    Non ci sono ulteriori informazioni per questo evento.

26
2728293031  

Supportaci

Scegli tu quanto donare con Carta o PayPal. Puoi selezionare un importo fra quelli disponibili o metterne uno a tuo piacere.
Altro Importo:

Ra.Gi. Onlus Channel