);
Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.
Privacy Policy

Cos’è la demenza?

La mente è via”, è questa la traduzione letterale dal latino della parola “demenza” una malattia che colpisce le abilità e le capacità della persona che ne è colpita fino al punto di renderla incapace di affrontare in modo consapevole ed autosufficiente le attività quotidiane, anche le più banali. Una condizione questa che, con l’avanzare della malattia, costringe le famiglie ad istituzionalizzare i propri cari all’interno di residenze sanitarie a lungodegenza. La demenza è una di quelle malattie che lascia soli non solo gli ammalati ma anche le famiglie: soli perché al momento non esiste alcuna cura farmacologica che possa intervenire sulla prevenzione, sulla cura e sulla risoluzione della malattia, soli perché dopo la diagnosi che viene fatta nei Centri UVA (Unità Valutazione Alzheimer, ma poi perché non si chiamano Centri Valutazione Demenza?) le famiglie sono costrette a riorganizzare la loro vita per accudire il familiare perché in Italia sono pochissimi i centri specifici dedicati alle demenze. Le persone colpite da demenza perdono letteralmente la mente prima di perdere il loro corpo che, a questo punto resta l’unico strumento che hanno per poter comunicare con il mondo che li circonda.

Ma cosa sono le demenze? Ho letto da qualche parte che ogni 7 secondi nel mondo viene fatta una diagnosi di demenza. Tantissime.

Le demenze possono essere di tipo reversibile e irreversibile. La maggior parte è di tipo irreversibile. Queste si distinguono in forme primarie e secondarie. Le forme primarie sono di tipo degenerativo e includono la demenza di Alzheimer, quella Fronto-Temporale e quella a Corpi di Lewy. Fra le forme secondarie la più frequente è quella Vascolare. Le demenze irreversibili, a livello sintomatologico, sia nella fase iniziale sia parzialmente in quella intermedia, sono abbastanza caratterizzate e distinguibili tra loro. Nella fase avanzata le differenze si assottigliano fino a scomparire del tutto. Le forme più comuni di demenza sono lentamente progressive e sfociano infine nella perdita totale di memoria e pensiero. I sintomi iniziali rispecchiano la causa precisa di demenza e le aree cerebrali più colpite.

Questa brevissima descrizione ci porta dunque a comprendere che le demenze non sono solo Alzheimer, anche se questa parola è oramai entrata nell’immaginario comune per definire la demenza. Insomma dire Alzheimer fa paura, dire Corpi di Lewy no.

Come sottolineano Mace e Rabins (1981): “ i sintomi della demenza possono essere provocati da molte malattie e diverse condizioni, di cui gli autori fanno un elenco parziale, riportato di seguito:

Disturbi metabolici

  • Disfunzioni della tiroide, delle paratiroidi o delle surrenali
  • Disturbi epatici
  • Deficienze vitaminiche (B12)

Problemi strutturali del cervello

  • Idrocefalo normoteso
  • Tumori cerebrali
  • Ematoma subdurale
  • Traumi cranici
  • Ipossia o anossia

Infezioni

  • Tubercolosi
  • Sifilide
  • Infezioni cerebrali da funghi, batteri o virus (meningite, encefalite)
  • Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS)

Sostanze tossiche

  • Monossido di carbonio
  • Droghe
  • Avvelenamento da metalli
  • Alcol

Malattie degenerative

  • Malattia di Alzheimer
  • Atassia di Friedreich
  • Corea di Huntington
  • Morbo di Parkinson
  • Morbo di Pick
  • Paralisi sopranucleare progressiva
  • Morbo di Wilson

Malattie vascolari

  • Infarto cerebrale
  • Demenza multi-infartuale
  • Malattia di Binswanger

Malattie autoimmuni

  • Artrite temporale
  • Lupus eritematoso

Malattie psichiatriche

  • Depressione
  • Schizofrenia
  • Sclerosi multipla

Dal punto di vista psicologico e ancor più neurospicologico gli studi che si interessano dello stato demenziale, anche se numerosi, hanno modificato più volte la definizione sulla demenza. La varietà degli approcci teorici e clinici ha reso difficile stabilire criteri diagnostici di classificazione definiti ed universalmente accettati per una sindrome complessa quale quella demenziale.

La demenza è stata definita, secondo il Rapporto OMS e ADI, una priorità mondiale di salute pubblica: nel 2010, 35,6 milioni di persone risultavano affette da demenza con stima di aumento del doppio nel 2030, il triplo nel 2050, con ogni anno 7,7 milioni di nuovi casi (1 ogni 4 secondi) e una sopravvivenza media dopo la diagnosi di 4-8-anni. L’Italia è uno dei paesi europei più anziani (età uguale o superiore a 65 anni) e quasi il 17% della popolazione, per un totale di 9,5 milioni, ha superato i 65 anni di età. Sono pertanto in aumento tutte le malattie croniche, in quanto legate all’età, e tra queste le demenze. Il numero totale dei pazienti con demenza è stimato in oltre un milione (di cui circa 600.000 con demenza di Alzheimer) e circa 3 milioni sono le persone direttamente o indirettamente coinvolte nell’assistenza dei loro cari. Queste malattie costituiscono la sesta causa di morte con 26.559 decessi registrati nel 2012, il 4,3% sul totale annuo. (Fonte Osservatorio Demenze Istituto Superiore di Sanità)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità pubblcate sul sito.

Email *

I nostri eventi

< 2019 >
Ottobre
DLMMGVS
  12345
678910
  • Persone con demenze, verso la realizzazione del loro possibile.

    16:39
    2019.10.10

    Un incontro molto importante ci attende giovedì 10 ottobre a Reggio Calabria. Un momento in cui le demenze acquistano un significato diverso perché ricerca e neuroscienze si incontrano con il possibile benessere corporeo, psicologico, spirituale e sociale delle persone con demenze. Grazie alla. Presidente dell’Associazione Libera-Mente Maria Cara che, in occasione dell’apertura dell’anno sociale ha organizzato questo particolare incontro.

1112
131415161718
  • Terapia del Treno

    17:30 -19:00
    2019.10.18


    CATANZARO – Nel Centro storico amico delle demenze Dementia Friendly Community arriva la Terapia del Viaggio.
    A nome di tutte le persone con Demenze ospiti del Centro Diurno RaGi e di tutte le famiglie ringrazio l’impegno e la vicinanza dell’assessore comunale alle politiche sociali Lea Concolino. Grazie alle progettualità che la RaGi mette continuamente in campo a sostegno delle persone con Demenze e per contrastare la solitudine degli anziani, la città di Catanzaro, avrà la possibilità di disporre di una delle Terapie non farmacologiche strutturalmente più impegnative da offrire gratuitamente ai suoi cittadini più fragili. Si tratterà di un allestimento unico in Calabria, secondo nel sud Italia, 15esima in tutta Italia.
    La location della Terapia del Viaggio verrà inaugurata giorno 18 ottobre alla presenza del prof Ivo Cilesi esperto di fama internazionale nelle terapie non Farmacologiche e resterà a disposizione della cittadinanza del centro storico per circa due mesi, per poi essere allestita in altra sede.
    Questa è la politica della Comunità e della Condivisione collettiva.

19
  • Corso base “Terapia della bambola”

    09:00 -18:00
    2019.10.19

    Clicca il link per scaricare la scheda d’iscrizione e vedere la locandina.

    La Terapia della Bambola è un dispositivo medico in Classe I.

    La Terapia della Bambola, che abbiamo l’onore di ospitare per la prima volta a Catanzaro, è una terapia non farmacologica, ideata dal Dott. Ivo Giovanni Cilesi che aiuta a ridurre i disturbi comportamentali e dell’umore dell’anziano. Attraverso l’accudimento e il maternage della bambola terapeutica la persona attiva relazioni tattili e affettive. Sempre per chi lo ignorasse, COSA IMPORTANTE, c’è da dire è che, la terapia della Bambola e’ un dispositivo medico in Classe I, registrato al ministero della salute V0880-Attrezzatura di supporto all’attività sanitaria-accessori. IDENTIFICATIVO DI REGISTRAZIONE BD/RDM NR 1560853. DATA PRIMA PUBBLICAZIONE 24/05/2017.-

202122232425
  • Incontro in Basilicata

    Tutto il giorno
    2019.10.25

    Non ci sono ulteriori informazioni per questo evento.

26
2728293031  

Supportaci

Scegli tu quanto donare con Carta o PayPal. Puoi selezionare un importo fra quelli disponibili o metterne uno a tuo piacere.
Altro Importo:

Ra.Gi. Onlus Channel