);
Altri Articoli Dai nostri Social

Coronavirus: come poterlo spiegare alle persone con demenze!.

C’è un microcosmo in questa emergenza che non rispetterà alcuna regola, a cui non puoi spiegare decisioni e che ha bisogno, oggi più che mai, di strategie diverse da adottare per mantenere intatto un equilibrio conquistato giorno dopo giorno.

C’è un microcosmo in questa emergenza che paga e che pagherà le conseguenze di decreti giustissimi, ma che forse non possono omologare tutti.

In questo microcosmo convivono le persone con Demenze e le loro famiglie che non possono essere lasciare doppiamente da sole più di quanto già non lo siano anche senza questa ondata di giusto panico relazionale.

A seguito del decreto emanato dal Governo, molti centri diurni per le persone con Demenze sono stati chiusi, rimandando al mittente, ossia alle famiglie gli ospiti.

A tutto ciò si aggiunge l’impossibilità, a tempo indeterminato, di queste persone di usufruire di tutte le terapie psicosociali necessarie per il loro equilibrio emotivo e psicologico.

Nell’ordinanza si consiglia di mantenere in casa le persone con più di 65 anni e gli anziani con gravi patologie.
Nelle regole generali si consiglia di evitare i baci e gli abbracci, di mantenere le distanze di sicurezza di almeno un metro, di non stringere le mani.
Ma tutto ciò non è possibile spiegarlo o applicarlo con le persone con Demenze che non sanno cosa sia il rischio del coronavirus e come al solito vanno contro ogni soluzione per loro ritenuta restrittiva.

Gli ospiti dei nostri centri diurni non sono solo anziani over 65. I nostri ospiti sono anche giovani con demenze precoci.

A nessuno di loro puoi dire di non uscire e di stare tranquilli in casa, a nessuno di loro puoi dire di starti lontano, a nessuno di loro puoi evitare di guardarli negli occhi per tranquillizzare il loro animo irrequieto, a nessuno di loro puoi non prendere la mano e dire “coraggio sono ancora qui”, a nessuno di loro puoi rifiutare un abbraccio.
A nessuno di loro puoi far capire un rifiuto. Lo percepiscono a pelle senza capire perché lo stai facendo.

La relazione a distanza con le persone con Demenze non funziona!

E allora a noi, spetta a noi il compito di trovare le giuste strategie per cercare di arginare quella pandemia emozionale dalla quale li abbiamo sempre protetti

#PersonenonsoloAnziani.
#PersonenonsoloDementi
#demenzecelafaremo

About the author

Elena Sodano

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla Newsletter


Supportaci

Error! Missing PayPal API credentials. Please configure the PayPal API credentials by going to the settings menu of this plugin.

IL CORPO NELLA DEMENZA

Associazione Ra.Gi. Channel

Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.