);
Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.
Privacy Policy
Comunicati Stampa

Catanzaro, gli ospiti della “RaGi” a tu per tu con gli studenti del “Maresca”

Le persone con demenze hanno incontrato le ragazze e i ragazzi dell’istituto catanzarese. Una giornata di sensibilizzazione oltre il muro dell’indifferenza

———————————————————————————————–

Catanzaro, 15 maggio 2019 – “Io ti vedo, oltre…” è il nome dell’iniziativa svolta martedì 14 maggio a Catanzaro, all’istituto di istruzione superiore “Maresca”: ragazze e ragazzi di diverse classi hanno incontrato alcune persone con demenze ospiti dell’associazione “Ra.Gi.” accompagnate da un gruppo di operatrici e operatori della stessa onlus. Una giornata di emozioni e riflessioni, oltre le barriere del pregiudizio e dell’indifferenza.

L’incontro si è aperto con le parole della professoressa Milva Paonessa, che ha citato l’esperienza di Cicala, paese della presila catanzarese primo “Borgo amico delle demenze” in Calabria. Un’esperienza basata sul modello Dementia Friendly Community (“comunità amiche delle demenze”) promossa dalla Federazione Alzheimer Italia e portata avanti dalla Ra.Gi. Onlus di Elena Sodano in collaborazione con il Comune di quel territorio. Un posto dove gli ospiti del centro diurno “Antonio Doria” sono coinvolte nella vita della comunità: “Un centro che non rimane chiuso, ma che si apre all’esterno”, ha commentato la docente. “Se queste persone vengono qui da noi – ha quindi aggiunto Paonessa – è perché bisogna guardarle con occhi diversi”.

Poi la proiezione del film “Si può fare”, regia di Giulio Manfredonia, con Claudio Bisio nel ruolo di Nello, chiamato a dirigere la Cooperativa 180, un’associazione di persone con malattia mentale nata a seguito della Legge Basaglia che nel 1978 dispose la fine dei manicomi. Un film che racconta la sfida di Nello in prima linea per dare alle persone della cooperativa una possibilità di lavoro e una vita sociale malgrado le paure e le resistenze della società.

“Un film che si avvicina alla realtà della Ra.Gi., perché il “si può fare” rappresenta la nostra realtà”, ha spiegato Amanda Gigliotti, psicologa della onlus presieduta da Elena Sodano, sottolineando che il pregiudizio e le resistenze all’inclusione sociale riguardanti le persone con problemi psichiatrici sono per molti versi simili a quelli che coinvolgono le persone con demenze. Sulla stessa lunghezza d’onda Davide Costa, sociologo alla Ra.Gi. Onlus: “Il nostro “si può fare” – ha dichiarato – è andare oltre la chiusura di una porta, uscendo con queste persone, superando i limiti che si costruiscono verso gli altri e prima di tutto verso noi stessi”.

Dal film alla vita vera, alle storie come quelle di Elio, di Dina, di Eugenio, e come la storia di Francesco, trentottenne con una forma di demenza subentrata a seguito di un incidente. Gli ospiti della Ra.Gi. hanno parlato, raccontato, sorriso, lo hanno fatto a modo loro, dimostrando che una vita il più possibile normale, a contatto con gli altri, si può avere nonostante i limiti della malattia.

Dal canto loro, i ragazzi e le ragazze del “Maresca” hanno ascoltato, si sono emozionati, hanno sorriso, pensato, partecipato e condiviso. A loro l’appello arrivato dalla moglie di Elio. Un appello alle nuove generazioni: “Quando vedete un parente o anche un estraneo con questa malattia non deridetelo, non schernitelo, ma stategli vicino anche solo rispondendo a un saluto. Aiutateci. Perché voi siete il nostro avvenire”, ha detto Anna.

La presidente della Ra.Gi., Elena Sodano, ha ringraziato Milva Paonessa per avere dato impulso all’iniziativa. Quindi il suo messaggio per un nuovo approccio culturale da promuovere: “Le persone con demenze – ha detto Sodano – non possono essere ghettizzate e maltrattate. Loro hanno bisogno di tutta la società. Ciò che la Ra.Gi. sta cercando di fare – ha aggiunto – è normalizzare la patologia” sul piano sociale ed esistenziale, a fronte di un concetto di normalità “che invece non dà possibilità di vita”.

————————————————————————————————–

Ulteriori informazioni: Francesco Ciampa, giornalista e addetto stampa freelance, per Ra.Gi. Onlus. Telefono: 338-9988070

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità pubblcate sul sito.

Email *

I nostri eventi

< 2019 >
Ottobre
DLMMGVS
  12345
678910
  • Persone con demenze, verso la realizzazione del loro possibile.

    16:39
    2019.10.10

    Un incontro molto importante ci attende giovedì 10 ottobre a Reggio Calabria. Un momento in cui le demenze acquistano un significato diverso perché ricerca e neuroscienze si incontrano con il possibile benessere corporeo, psicologico, spirituale e sociale delle persone con demenze. Grazie alla. Presidente dell’Associazione Libera-Mente Maria Cara che, in occasione dell’apertura dell’anno sociale ha organizzato questo particolare incontro.

1112
131415161718
  • Terapia del Treno

    17:30 -19:00
    2019.10.18


    CATANZARO – Nel Centro storico amico delle demenze Dementia Friendly Community arriva la Terapia del Viaggio.
    A nome di tutte le persone con Demenze ospiti del Centro Diurno RaGi e di tutte le famiglie ringrazio l’impegno e la vicinanza dell’assessore comunale alle politiche sociali Lea Concolino. Grazie alle progettualità che la RaGi mette continuamente in campo a sostegno delle persone con Demenze e per contrastare la solitudine degli anziani, la città di Catanzaro, avrà la possibilità di disporre di una delle Terapie non farmacologiche strutturalmente più impegnative da offrire gratuitamente ai suoi cittadini più fragili. Si tratterà di un allestimento unico in Calabria, secondo nel sud Italia, 15esima in tutta Italia.
    La location della Terapia del Viaggio verrà inaugurata giorno 18 ottobre alla presenza del prof Ivo Cilesi esperto di fama internazionale nelle terapie non Farmacologiche e resterà a disposizione della cittadinanza del centro storico per circa due mesi, per poi essere allestita in altra sede.
    Questa è la politica della Comunità e della Condivisione collettiva.

19
  • Corso base “Terapia della bambola”

    09:00 -18:00
    2019.10.19

    Clicca il link per scaricare la scheda d’iscrizione e vedere la locandina.

    La Terapia della Bambola è un dispositivo medico in Classe I.

    La Terapia della Bambola, che abbiamo l’onore di ospitare per la prima volta a Catanzaro, è una terapia non farmacologica, ideata dal Dott. Ivo Giovanni Cilesi che aiuta a ridurre i disturbi comportamentali e dell’umore dell’anziano. Attraverso l’accudimento e il maternage della bambola terapeutica la persona attiva relazioni tattili e affettive. Sempre per chi lo ignorasse, COSA IMPORTANTE, c’è da dire è che, la terapia della Bambola e’ un dispositivo medico in Classe I, registrato al ministero della salute V0880-Attrezzatura di supporto all’attività sanitaria-accessori. IDENTIFICATIVO DI REGISTRAZIONE BD/RDM NR 1560853. DATA PRIMA PUBBLICAZIONE 24/05/2017.-

202122232425
  • Incontro in Basilicata

    Tutto il giorno
    2019.10.25

    Non ci sono ulteriori informazioni per questo evento.

26
2728293031  

Supportaci

Scegli tu quanto donare con Carta o PayPal. Puoi selezionare un importo fra quelli disponibili o metterne uno a tuo piacere.
Altro Importo:

Ra.Gi. Onlus Channel