);
Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.
Privacy Policy
Altri Articoli

Alzheimer: i test di diagnosi precoce creano solo angoscia.

Ad oggi nessun test può dire se una persona si ammalerà di #Alzheimer. E anche se arriva la diagnosi, non ci sono farmaci per la guarigione. Questo articolo pubblicato il 6 agosto scorso su “la Repubblica” e a firma di Michele Bocci fa pensare al fatto che “qui e ora”, se non ci sono cure, ci sono però delle possibilità da dare alle persone malate. Arnaldo Benini, neurologo e neurochirurgo, intervistato da Bocci, sottolinea infatti che a fronte di esami inutili e di guarigioni impossibili, è invece percorribile la via delle cure palliative. <>, dichiara Bernini per “la Repubblica”. Dunque, in attesa di risposte della medicina e dalla ricerca, bisogna dare la centralità al rispetto delle persone malate, senza accanimenti e forzature, con rispetto, supportandole e confortandole, riconoscendo loro il diritto di vivere e di esprimersi nonostante la malattia. Spazio quindi al sociale, a centri diurni oggi quasi del tutto inesistenti, alla dimensione esistenziale, relazionale, al conforto, all’esplorazione di nuovi canali di comunicazione tra la persona malata e chi se ne prende cura: una necessità, ma anche una battaglia culturale come quella portata avanti dalla #RaGi di Elena Sodano malgrado l’indifferenza di tanti e nonostante la rassegnazione di chi pensa che per le persone con demenze #noncepiùnulladafare. C’è invece tanto da fare, tanta vita da vivere, emozioni e momenti di benessere da donare, il calore del contatto, i sorrisi, la forza del conforto, l’umanità ancora possibile.

About the author

Elena Sodano

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità pubblcate sul sito.

Email *

I nostri eventi

< 2019 >
Ottobre
DLMMGVS
  12345
678910
  • Persone con demenze, verso la realizzazione del loro possibile.

    16:39
    2019.10.10

    Un incontro molto importante ci attende giovedì 10 ottobre a Reggio Calabria. Un momento in cui le demenze acquistano un significato diverso perché ricerca e neuroscienze si incontrano con il possibile benessere corporeo, psicologico, spirituale e sociale delle persone con demenze. Grazie alla. Presidente dell’Associazione Libera-Mente Maria Cara che, in occasione dell’apertura dell’anno sociale ha organizzato questo particolare incontro.

1112
131415161718
  • Terapia del Treno

    17:30 -19:00
    2019.10.18


    CATANZARO – Nel Centro storico amico delle demenze Dementia Friendly Community arriva la Terapia del Viaggio.
    A nome di tutte le persone con Demenze ospiti del Centro Diurno RaGi e di tutte le famiglie ringrazio l’impegno e la vicinanza dell’assessore comunale alle politiche sociali Lea Concolino. Grazie alle progettualità che la RaGi mette continuamente in campo a sostegno delle persone con Demenze e per contrastare la solitudine degli anziani, la città di Catanzaro, avrà la possibilità di disporre di una delle Terapie non farmacologiche strutturalmente più impegnative da offrire gratuitamente ai suoi cittadini più fragili. Si tratterà di un allestimento unico in Calabria, secondo nel sud Italia, 15esima in tutta Italia.
    La location della Terapia del Viaggio verrà inaugurata giorno 18 ottobre alla presenza del prof Ivo Cilesi esperto di fama internazionale nelle terapie non Farmacologiche e resterà a disposizione della cittadinanza del centro storico per circa due mesi, per poi essere allestita in altra sede.
    Questa è la politica della Comunità e della Condivisione collettiva.

19
  • Corso base “Terapia della bambola”

    09:00 -18:00
    2019.10.19

    Clicca il link per scaricare la scheda d’iscrizione e vedere la locandina.

    La Terapia della Bambola è un dispositivo medico in Classe I.

    La Terapia della Bambola, che abbiamo l’onore di ospitare per la prima volta a Catanzaro, è una terapia non farmacologica, ideata dal Dott. Ivo Giovanni Cilesi che aiuta a ridurre i disturbi comportamentali e dell’umore dell’anziano. Attraverso l’accudimento e il maternage della bambola terapeutica la persona attiva relazioni tattili e affettive. Sempre per chi lo ignorasse, COSA IMPORTANTE, c’è da dire è che, la terapia della Bambola e’ un dispositivo medico in Classe I, registrato al ministero della salute V0880-Attrezzatura di supporto all’attività sanitaria-accessori. IDENTIFICATIVO DI REGISTRAZIONE BD/RDM NR 1560853. DATA PRIMA PUBBLICAZIONE 24/05/2017.-

202122232425
  • Incontro in Basilicata

    Tutto il giorno
    2019.10.25

    Non ci sono ulteriori informazioni per questo evento.

26
2728293031  

Supportaci

Scegli tu quanto donare con Carta o PayPal. Puoi selezionare un importo fra quelli disponibili o metterne uno a tuo piacere.
Altro Importo:

Ra.Gi. Onlus Channel