);
Altri Articoli

Alzheimer: i test di diagnosi precoce creano solo angoscia.

Ad oggi nessun test può dire se una persona si ammalerà di #Alzheimer. E anche se arriva la diagnosi, non ci sono farmaci per la guarigione. Questo articolo pubblicato il 6 agosto scorso su “la Repubblica” e a firma di Michele Bocci fa pensare al fatto che “qui e ora”, se non ci sono cure, ci sono però delle possibilità da dare alle persone malate. Arnaldo Benini, neurologo e neurochirurgo, intervistato da Bocci, sottolinea infatti che a fronte di esami inutili e di guarigioni impossibili, è invece percorribile la via delle cure palliative. <>, dichiara Bernini per “la Repubblica”. Dunque, in attesa di risposte della medicina e dalla ricerca, bisogna dare la centralità al rispetto delle persone malate, senza accanimenti e forzature, con rispetto, supportandole e confortandole, riconoscendo loro il diritto di vivere e di esprimersi nonostante la malattia. Spazio quindi al sociale, a centri diurni oggi quasi del tutto inesistenti, alla dimensione esistenziale, relazionale, al conforto, all’esplorazione di nuovi canali di comunicazione tra la persona malata e chi se ne prende cura: una necessità, ma anche una battaglia culturale come quella portata avanti dalla #RaGi di Elena Sodano malgrado l’indifferenza di tanti e nonostante la rassegnazione di chi pensa che per le persone con demenze #noncepiùnulladafare. C’è invece tanto da fare, tanta vita da vivere, emozioni e momenti di benessere da donare, il calore del contatto, i sorrisi, la forza del conforto, l’umanità ancora possibile.

About the author

Elena Sodano

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla Newsletter


Supportaci

Error! Missing PayPal API credentials. Please configure the PayPal API credentials by going to the settings menu of this plugin.

IL CORPO NELLA DEMENZA

Associazione Ra.Gi. Channel

Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.