);
Il contenuto di questo sito è protetto, non è permessa la copia.
Privacy Policy
Stampa

Alzheimer, studenti catanzaresi creano dispositivo anti-smarrimento

FONTE: LACNEWS24

“Mai ti perderò” il nome dell’innovativo progetto dell’Istituto tecnico industriale “Scalfaro” e dall’associazione “Ra.Gi”.

Un dispositivo anti-smarrimento messo a punto da studenti per contrastare gli effetti negativi del “wandering“, cioè le crisi che colpiscono le persone che soffrono di demenze facendo perdere loro l’orientamento e portandole a vagare senza meta e senza coscienza. È il progetto curato dall’associazione “Ra.Gi” di Catanzaro, che si occupa dell’assistenza, con metodi innovativi e non farmacologici, di persone con Alzheimer o Parkinson, e dall’Istituto tecnico industriale “Scalfaro” del capoluogo calabrese, che da alcuni mesi hanno attivato una sinergia finalizzata alla sensibilizzazione sui temi e sulle problematiche legate ai vari tipi di demenza.

Il progetto è stato presentato questa mattina in un incontro didattico-intergenerazionale, dal titolo “Mai ti perderò” che si è svolto nell’aula magna dell’Itts “Scalfaro” di Catanzaro. A illustrare sotto il profilo tecnico il dispositivo, realizzato dagli studenti delle quinte classi dello “Scalfaro”, è stato il docente di Informatica dell’istituto, Raffaele Teducci: «Si tratta – ha detto – di un sistema composto di più elementi, che interagiscono tra di loro. Il primo è un dispositivo mobile assegnato al paziente, che, in caso di suo smarrimento, avrà il compito di localizzarne la posizione tramite una scheda Gps che a sua volta comunicherà a un sistema micro-controllore le coordinate, a loro volta poi trasmesse tramite una scheda Gsm, quindi telefonica, al dispositivo controllore, in dotazione al familiare o del tutor del paziente, che così può essere facilmente rintracciato. A questo punto – ha spiegato il Teducci – le informazioni saranno trasmesse a una App come Google Maps: sono App gratuite che si possono tranquillamente utilizzare per una finalità nobile come questa».

A sua volta, Elena Sodano, giornalista e presidente dell’associazione “Ra.Gi”, ha evidenziato che «questo progetto è sicuramente inedito in Italia perché è portato avanti da ragazzi, a conferma del fatto che i giovani dimostrano di non essere quell’universo ingestibile e intrattabile che spesso viene dipinto ma di poter essere protagonisti quando viene loro data una motivazione in più. Auspico – ha concluso Elena Sodano – che questo dispositivo possa essere brevettato a breve, perché può essere di aiuto alle persone con demenze e alle loro famiglie ma anche di supporto alle forze dell’ordine». Nell’incontro allo “Scalfaro” di Catanzaro è stato spiegato, inoltre, che l’uso di questo dispositivo anti-smarrimento è praticamente a costo zero, considerando che può essere applicato anche a un vecchio telefonino cellulare.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità pubblcate sul sito.

Email *

I nostri eventi

< 2019 >
Ottobre
DLMMGVS
  12345
678910
  • Persone con demenze, verso la realizzazione del loro possibile.

    16:39
    2019.10.10

    Un incontro molto importante ci attende giovedì 10 ottobre a Reggio Calabria. Un momento in cui le demenze acquistano un significato diverso perché ricerca e neuroscienze si incontrano con il possibile benessere corporeo, psicologico, spirituale e sociale delle persone con demenze. Grazie alla. Presidente dell’Associazione Libera-Mente Maria Cara che, in occasione dell’apertura dell’anno sociale ha organizzato questo particolare incontro.

1112
131415161718
  • Terapia del Treno

    17:30 -19:00
    2019.10.18


    Terapia farmacologica unica in Calabria

    Inaugurazione al Policlinico Umberto I.

19
  • Corso base “Terapia della bambola”

    09:00 -18:00
    2019.10.19

    Clicca il link per scaricare la scheda d’iscrizione e vedere la locandina.

    La Terapia della Bambola è un dispositivo medico in Classe I.

    La Terapia della Bambola, che abbiamo l’onore di ospitare per la prima volta a Catanzaro, è una terapia non farmacologica, ideata dal Dott. Ivo Giovanni Cilesi che aiuta a ridurre i disturbi comportamentali e dell’umore dell’anziano. Attraverso l’accudimento e il maternage della bambola terapeutica la persona attiva relazioni tattili e affettive. Sempre per chi lo ignorasse, COSA IMPORTANTE, c’è da dire è che, la terapia della Bambola e’ un dispositivo medico in Classe I, registrato al ministero della salute V0880-Attrezzatura di supporto all’attività sanitaria-accessori. IDENTIFICATIVO DI REGISTRAZIONE BD/RDM NR 1560853. DATA PRIMA PUBBLICAZIONE 24/05/2017.-

202122232425
  • Incontro in Basilicata

    Tutto il giorno
    2019.10.25

    Non ci sono ulteriori informazioni per questo evento.

26
2728293031  

Supportaci

Scegli tu quanto donare con Carta o PayPal. Puoi selezionare un importo fra quelli disponibili o metterne uno a tuo piacere.
Altro Importo:

Ra.Gi. Onlus Channel